Contrastare l'ansia

Può un’alimentazione basata su cibi pesanti da digerire o semplicemente eccitanti, incidere notevolmente sullo stress ed i nostri stati ansiosi? Ebbene sì. La dieta svolge un ruolo pressoché fondamentale nella regolarizzazione degli scambi neurologici e nell’eliminazione delle tossine che possono creare malesseri e/o tensioni nervose.

Chi soffre di ansia o stress dovrebbe decisamente evitare, quantomeno ridurre, cibi e bevande che possano risultare eccitanti per il nostro fisico: peperoncino, caffè, tè ed alcol su tutti. È buona regola consumare con attenzione anche carboidrati raffinati (come il pane bianco, pizza, pasta) e cibi con parecchia presenza di zuccheri (comprese quelle squisite e succose bevande come coca cola o succhi di frutta in generale!), in quanto possono provocare picchi glicemici, con il conseguente incombere di stati ansiosi.

Per quanto riguarda i carboidrati, sostituiamo quelli bianchi con quelli integrali: in quanto ricchi di magnesio e Vitamina B, riescono a prevenire l’indebolimento psicofisico. Proviamo anche ad arricchire la nostra quotidiana alimentazione con molta frutta e verdura fresca di stagione, privilegiando legumi, lattuga, ananas, prugne e kiwi, che – essendo ricchi di fibre e sali minerali – ci aiuteranno a mantenere il livello di insulina costante e regolare.

Per quanto riguarda i condimenti è meglio evitare grassi di origine animale: usiamo piuttosto oli vegetali a crudo, in quanto veri e propri toccasana per il nostro sistema nervoso.

Inoltre non dimentichiamo il latte, ricchissimo di triptofano (molecola che agisce proprio sul nostro sistema nervoso e che netraulizza gli stati ansiosi e lo stress): un bicchiere di latte prima di andare a dormire per un buon riposo ed uno la mattina per un risveglio tonico ed energetico.

top

Chiudi i Commenti

Lascia una risposta